(Finanza.com) Il governo francese ha allo studio un piano di aiuti per il settore automobilistico, rivolto soprattutto ai produttori più efficienti e impegnati allo sviluppo di veicoli eco-compatibili. Lo ha annunciato il ministro dell’Industria francese, Arnaud Montebourg. In un intervento alla radio France Inter, Montebourg ha dichiarato che il governo è pronto a sostenere con incentivi pubblici il settore, ma i costruttori dovranno dare contropartite per ottenere gli aiuti. Il momento è delicato per il comparto delle quattro ruote europeo, dopo i il nuovo calo delle immatricolazioni a giugno. Lo scenario pesa anche per le case francesi. Peugeot Citroen ha annunciato settimana scorsa un maxi piano di ristrutturazione che prevede la chiusura di un impianto nel Nord del paese e il licenziamento di oltre 8mila lavoratori. Un piano che ha sollevato forti reazioni in Francia. Ieri sera Montebourg ha incontrato i sindacati, mentre questa sera dovrebbe incontrare il presidente di Peugeot, Philippe Varin. Non solo. Il governo francese avrebbe commissionato uno studio indipendente sul caso Peugeot per determinare la gravità della situazione. Il rapporto dovrebbe essere disponibile alla fine del mese. Intanto il gruppo festeggia l’iniziativa di sostegno al settore, annunciata oggi dal ministro. Questa mattina l’azione Peugeot si è posizionata in testa al listino principale Cac40 con un rialzo di oltre il 3%. I risultati finanziari del gruppo verranno diffusi il prossimo 25 luglio.