(Finanza.com) Si fermano per il momento i progetti di espansione di Fortescue Metals. Il gruppo australiano dei metalli ha fatto sapere che la propria capacità produttiva di minerale di ferro il prossimo anno crescerà a 155 milioni di tonnellate dagli attuali 55. Dopodichè l’obbiettivo sarà quello di ripagare i debiti, per attirare un maggior numero di investitori. Dall’inizio del mese il titolo Fortescue ha perso circa il 18% a causa dei timori sull’Eurozona e al raffreddamento della domanda cinese per l’acciaio.