È arrivato il momento di “alleggerire il carico fiscale sul lavoro”. A dichiararlo è stato il ministro per il Lavoro Elsa Fornero parlando ai microfoni di Rai Radio Anch’io. Il ministro ha spiegato che è la prima aspirazione dopo “la riforma del mercato del lavoro. Me ne assumo la responsabilità”, che ha poi sottolineato come in Italia “abbiamo un costo del lavoro alto, una retribuzione bassa e un carico fiscale e contributivo elevato”.

Aumentare la produttività

Altro punto fondamentale oltre a riequilibrare il carico fiscale, è intervenire per aumentare la produttività. Il ministro, ricordando i recenti giudizi positivi delle agenzie di rating sull’Italia, ha poi dichiarato che “è giunto il momento in cui occorre ritrovare la fiducia. Non un facile ottimismo destinato a infrangersi, ma la capacità di progettazione del futuro”.

Il ministro ha poi sottolineato che l’Italia ha pagato l’eccesso di domanda che è stata scaricata sulle generazioni future, prima con l’inflazione e poi con il debito mostrando “un’assenza di lungimiranza”. Il debito che cresce “prima o poi diventa insostenibile e ci siamo arrivati” ha detto Fornero, ricordando i provvedimenti adottati dal governo Monti e approvati dal Parlamento. Oggi guardando al debito è più sostenibile e “questo ha ridato più fiducia rispetto a 6-8 mesi fa. Adesso occorre proseguire su questa strada”. Infine, il ministro ha sottolineato come il governo stia lavorando a un’agenda per i giovani, pur evidenziando come “non ci saranno misure eclatanti” ma interventi micro, anche con differenziazioni territoriali. “Non abbiamo una quantità eccessiva di risorse ma dobbiamo spenderle bene. Ogni risorsa impiegata deve dare risultati”, ha concluso Fornero.