Il Forex è il mercato più ampio sulla scena finanziaria ed è quello che riguarda lo scambio di moneta. Forex, infatti è un acronimo che sta per FOReign EXchange market. Sul mercato che viene indicato anche con la sigla FX o con la perifrasi currency market, si scambia la valuta straniera. Gli attori di questi scambi sono le istituzioni bancarie, le banche centrali ma anche gli speculatori che si occupano di valute.

In questo tipo di transazioni non mancano le proposte per imprese multinazionali, per i governi, le istituzioni e gli altri mercati finanziari. Mediamente, ogni giorno, il Forex muove “capitali” per un valore complessivo di 1.900 miliardi di dollari.

Gli speculatori che pure rappresentano degli attori nel currency market, non rappresentano comunque la parte più consistente di questi scambi. Soprattutto perché operano attraverso broker e banche.

Tra gli investitori privati il Forex è diventato il settore più sfruttato, anzi, molti broker che giocano in qualità di intermediari, offrono la possibilità di sfruttare dei programmi semplici per fare pratica di trading, ma di questa pratica ci occuperemo in un altro momento.

A livello storico gli accordi di Bretton Woods avevano vietato la speculazione sui mercati valutari, poi c’è stata revisione di questo agreement a partire dal 1971.