Il Forex con i suoi quasi 2mila miliardi di dollari negoziati al giorno è il mercato più liquido al mondo.
Le contrattazioni che avvengono su di esso, da un punto di vista tecnico, sono definite efficienti, sia in termini di liquidità, sia per quanto riguarda la dimensione dei volumi scambiati.
Secondo l’Analisi tecnica tali caratteristiche si traducono infatti in maggiore facilità di negoziazioni e pulizia dei grafici, in quanto più rilevanti sono i volumi sul mercato, più saranno gli attori che vi accedono, minori saranno dunque i prezzi fuori controllo provocati dai rumor, che nei mercati più piccoli alterano invece vistosamente i grafici.

Attraverso lo studio dell’andamento passato del mercato di riferimento con l’analisi delle serie storiche di prezzi e volumi di transazione, l’analisi tecnica cerca di prevedere l’evoluzione futura dei prezzi.
Alla base di questo tipo di analisi vi è l’assunto che l’andamento del passato inglobi informazioni economiche, storiche, matematiche e statistiche in grado di spiegare il presente e fornire le basi per prevedere l’evoluzione futura del mercato di riferimento.
Le teorie dell’analisi tecnica fanno perno su tre postulati di base:
- il mercato sconta sempre tutto. Nel prezzo, dunque, sono racchiuse tutte le informazioni per stimare i prezzi futuri;
- i prezzi seguono sempre un trend, costante fino a quando non si formano segnali di inversione;
- il ciclo dei prezzi si ripete, come tendono a ripetersi gli atteggiamenti degli uomini in dati momenti.
I grafici, di conseguenza, tenderanno a ripetere gli andamenti visti nel passato durante situazioni analoghe (foto by InfoPhoto).