L’analisi tecnica di un titolo o di un cross valutario ha le sue fondamenta nell’osservazione dei grafici più comuni.
Questi incorporano i prezzi delle quotazioni ufficiali e consentono, nelle loro specificità, di evidenziarne comportamenti e aspetti generali e particolari.
L’analisi grafica dei prezzi, riferiti al timeframe prescelto, permette infatti di individuare l’evoluzione di questi in modo immediato, cogliendone facilmente il trend e fornendo un valido supporto all’elaborazione di scelte operative sul mercato Forex.

Grafico lineare. È il tipo di grafico più semplice e intuitivo, ma anche il meno adoperato perché tra i più noti è quello che fornisce meno informazioni.
Il grafico lineare prende infatti in considerazione solo il prezzo di apertura e chiusura di un cross valutario considerato nell’intervallo di tempo preso in considerazione, senza tener conto dei massimi e dei minimi.

analisi tecnica: grafico lineare

Grafico a barre. È uno dei grafici più adoperati dagli operatori di mercato, formato da una sequenza di barre verticali, ognuna delle quali riferita all’intervallo di tempo preso in considerazione per l’analisi.
Osservando ciascuna barra da sinistra verso destra, il primo segmento indica il prezzo di apertura (open) delle quotazioni del cambio osservato, il corpo indica l’evoluzione tra prezzo minimo e massimo, mentre il segmento di destra indica il prezzo di chiusura (close).
Ogni singola barra fornisce diverse informazioni circa l’andamento del cross valutario nell’intervallo prescelto.
Se il segmento di destra è inferiore a quello di sinistra, ad esempio, vuol dire che il prezzo di chiusura è stato inferiore a quello di apertura (intervallo negativo); se, viceversa, il segmento di destra è superiore a quello di sinistra, i prezzi di chiusura sono stati superiori a quelli di apertura (intervallo positivo).
L’escursione tra i prezzi è data dalla distanza tra le due linee orizzontali.

analisi tecnica: grafico a barre

Grafico a candela. È il tipo di grafico preferito da analisti e operatori di mercato, risalente al XVIII secolo in Giappone (è detto anche a candele giapponesi).
Il corpo della candela, ‘real body’, rappresenta lo scostamento di prezzo tra l’apertura e la chiusura del timeframe preso in considerazione.
La colorazione della stessa indica la chiusura positiva o negativa delle contrattazioni.
Un corpo rosso/scuro indica prezzi di chiusura inferiori rispetto a quelli di apertura; uno verde/chiaro indica, invece, prezzi di chiusura superiori a quelli di apertura.
La linea sottile verticale sopra o sotto al corpo è denominata ‘upper/lower shadow’ e rappresenta l’estensione dei prezzi massimi e minimi del periodo di riferimento.

analisi tecnica: grafici a candela