(Finanza.com) “È necessario, per uscire da una palude decisionale ormai insostenibile, valutare, senza pregiudizi e con il massimo rigore e coerenza, tutte le proposte in campo, compresa quella di Sator e Palladio, certamente più lineare e meno bizantina, alla luce delle ricadute sul personale e della sua capacità di garantire la coesione sociale delle lavoratrici e dei lavoratori del gruppo”. E’ quanto si legge in un comunicato stampa diffuso dalla segreteria nazionale della Fiba-Cisl, nel quale la Federazione Italiana Bancari Assicurativi si dice convinta che l’unico principio da tenere necessariamente fermo nella valutazione dell’operazione di salvataggio del gruppo assicurativo sia la difesa dei livelli occupazionali nel gruppo.