Dopo un novembre positivo l’industria dei fondi comuni torna in rosso e archivia il mese di dicembre con 4,3 miliardi di riscatti. Stando ai dati preliminari diffusi oggi da Assogestioni per il settore del risparmio gestito in Italia si prospetta una chiusura di 2012 con deflussi per 11,3 miliardi.

Il trend di dicembre ha visto la raccolta delle gestioni collettive, positiva per oltre 200 milioni di euro, che non riesce a fronteggiare le operazioni di disinvestimento avvenute sulle gestioni di portafoglio (4,6 miliardi).

Nelle gestioni collettive sono in territorio positivo sia i fondi di diritto italiano con una raccolta di 51 milioni di euro sia i prodotti di diritto estero che riscuotono oltre 150 milioni di euro. Dai dati preliminari comunicati da Assogestioni emerge inoltre che fondi aperti e quelli chiusi detengono il 44% degli asset under management dell’industria (530 miliardi di euro).

Tra le conferme i fondi obbligazionari che continuano ad attrarre l’interesse dei risparmiatori che affidano ai gestori 2,1 miliardi di euro. Positiva anche la raccolta dei fondi flessibili con un risultato di 480 milioni di euro.