Il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo piano per permettere a coloro che stanno saldando i propri debiti col Fisco attraverso il sistema rateale, e che si trovano in difficoltà, di ottenere un nuovo piano di rientro rateale. Si tratta di uno dei provvedimenti approvati per rendere il sistema fiscale molto più equo e trasparente, nella speranza che in questo modo venga favorita anche la crescita e l’internalizzazione delle imprese.

Il fatto che si possa beneficiare di un nuovo piano rateale per saldare i propri debiti con il Fisco è una novità che è stata introdotta grazie alla richiesta pervenuta dalla Commissione Finanza della Camera dei deputati: un modo per venire incontro a coloro che vogliono saldare i debiti ma che hanno necessità di vedere modificato il proprio piano, per poterlo continuare a fare. Una mano tesa a chi si trova in difficoltà ma non per questo non vuole pagare quanto dovuto al Fisco, insomma.

Proprio per venire incontro a questa esigenza, le nuove disposizioni prevedono che: “le somme non ancora versate, oggetto di piani di rateazione da cui i contribuenti siano decaduti nei 24 mesi antecedenti l’entrata in vigore del decreto, possono su richiesta degli stessi contribuenti, da presentare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del decreto, essere oggetto di un nuovo piano di rateizzazione, ripartito fino a un massimo di 72 rate mensili. Dal piano di rateazione si decade per il mancato pagamento di sole due rate”.