La lotta all’evasione fiscale non è più una questione di principio. Diciamo anche che l’attuale governo, più dei suoi predecessori, ne fa una ragione “economica”. Basta pensare quanto incide l’evasione sul Prodotto Interno Lordo. 

Le Fiamme Gialle annunciano che ci saranno più controlli e più blitz per far emergere l’evasione fiscale. Ma non tutti, in Italia, ritengono che queste operazioni possano portare un guadagno al paese.

Monti ha intenzione di recuperare denaro dalla lotta all’evasione fiscale e la posta in gioco è parecchio alta visto che per il 2012 si parla di un recupero di 10 miliardi di euro, una cifra che è alta in termini assoluti ma non rappresenta il volume totale del business dell’evasione.

L’evasione, infatti, in Italia, è pari al 18% del Prodotto Interno Lordo che secondo la Corte dei Conti si aggira tra i 250 e i 270 miliardi di euro. L’operazione della Guardia di Finanza però, non piace a tutti, specie agli operatori delle zone “turistiche” come Cortina d’Ampezzo.

E’ ancora fresco nella memoria il famoso blitz di Capodanno, cui ha fatto seguito in questa stagione, qualche controllo “di routine” per smascherare gli affitti in nero. Quest’ultima operazione ha infastidito parecchio gli operatori locali che temono una fuga di turisti all’estero se si continuerà con questa “pressione”.