(Finanza.com) Anche Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria, dice la sua nell’ambito del parziale dietrofront di Fiat sul progetto fabbrica Italia che negli ultimi giorni ha visto scendere in campo governo e sindacati. Il numero uno di viale dell’Astronomia, nel precisare che non conosce nel dettaglio i termini della questione, ha rimarcato la necessità per un paese industriale come l’Italia di avere alle spalle un’industria automobilistica forte. Squinzi, intervenuto a margine dell’assemblea generale di Unindustria Bologna, ha sottolineato l’importanza non solo di quello che l’industria automobilistica produce direttamente, ma anche di tutto quello che viene dall’indotto di tante imprese italiane collegate al settore auto.