(Finanza.com) Fiat conferma i target per il 2012, ma nella parte bassa del range indicato in precedenza. Gli eventi degli ultimi dodici mesi hanno rafforzato il nostro giudizio negativo sull’evoluzione dei mercati europei – si legge nel comunicato del Lingotto -. Ravvisiamo persistenti condizioni di debolezza del mercato per il resto del 2012, per tutto il 2013 ed almeno per una parte del 2014”. Di conseguenza il gruppo torinese ha affinato i propri target economici al livello inferiore dell’intervallo originario: i ricavi sono attesi ora a 83 miliardi di euro, l’utile netto a oltre 1,2 miliardi (range precedente 1,2-1,5 miliardi), trading profit oltre 3,8 miliardi e un indebitamento pari a 6,5 miliardi.