Se la crisi terrà a casa molti italiani nei giorni di Ferragosto, quest’anno avranno buona compagnia. Saranno molti, infatti, gli esercizi commerciali che animeranno le città, garantendo a chi non riesce a partire almeno la certezza di poter fare la spesa nel negozio di fiducia.

Lo mostra un’indagine fatta da Confcommercio – Imprese per l’Italia in collaborazione con diverse associazioni nazionali di categoria tra cui Fipe (pubblici esercizi), Fida (dettaglianti alimentari), Fiva (ambulanti), Federcarni (macellerie), Assipan (panifici e panetterie) e Figisc/Anisa (benzinai).
Secondo i dati resteranno infatti aperti oltre l’80% dei supermercati e dei negozi di alimentari, il 70% dei panifici e delle panetterie e il 50% delle macellerie. E per il caffè del mattino, ci si potrà rivolgere a uno dei bar che appartiene a quel 67% che lascerà aperta la serranda nei giorni più caldi dell’anno.
Nessun problema nemmeno per gli spostamenti in auto, in città o per brevi gite fuori porta: il 50% dei benzinai delle città sarà infatti pronto a fare il pieno alle auto di coloro che restano a casa, ma anche di chi si reca in qualche luogo di villeggiatura. In particolare, si legge nella nota di Confcommercio, i mercati ambulanti continueranno ad operare regolarmente nei giorni immediatamente precedenti e seguenti il Ferragosto, salvo la giornata festiva, garantendo la vendita di tutte le categorie merceologiche.