La Federal Reserve statunitense ha confermato i tassi d’interesse tra lo zero e lo 0,25% e ha annunciato di aver esteso gli acquisti di titoli del Tesoro a lunga scadenza. La cosiddetta operazione Twist durerà fino a fine anno e potrà contare su una dotazione aggiuntiva di 267 miliardi di dollari. Inizialmente la scadenza era invece fissata per la fine di giugno e la dotazione era di 400 miliardi di dollari.

Un twist per sostenere l’economia

L’operazione serve ad abbassare i tassi sul lungo termine, quelli che vengono presi a riferimento per gli investimenti ed i finanziamenti immobiliari. La conferma dell’attuale politica monetaria è attribuibile all’incertezza che caratterizza la congiuntura economica.

I mercati finanziari tuttavia si attendevano qualcosa di più dal governatore della Fed, Ben Bernanke, chiamato a rilanciare un’economia, quella statunitense, che sta iniziando a risentire del rallentamento globale.

Secondo quanto riportato nel comunicato rilasciato dalla Banca centrale statunitense, “gli ultimi aggiornamenti macroeconomici suggeriscono che nel 2012 la crescita economica sarà moderata”. Per quanto riguarda il mercato del lavoro, “negli ultimi mesi è stato registrato un rallentamento” e nonostante i recenti segnali positivi “il settore immobiliare è ancora depresso”. Indicazioni invece incoraggianti dal fronte consumi visto che “le spese dei consumatori hanno registrato un miglioramento nei primi mesi dell’anno”.