Lo ha annunciato il presidente della Conferenza delle Regioni, il governatore del Piemonte Sergio Chiamparino al termine di una riunione svoltasi a Roma: in Italia la fecondazione eterologa per il contribuente avrà un costo – un ticket – che sarà compreso tra i 400 ed i 600 euro. Come afferma il politico torinese “Fa eccezione la Lombardia, che ha un orientamento diverso e ha ritenuto di far pagare interamente il costo della fecondazione eterologa sia a chi effettua l’eterologa all’interno della regione sia ai cittadini lombardi che vanno in altre regioni“.

I termini della questione sono semplici, le regioni hanno deciso di considerare  ”l’eterologa all’interno dei Lea, i Livelli essenziali di assistenza“, augurandosi che “il governo inserisca l’eterologa nei Livelli essenziali di assistenza che saranno pronti entro la fine dell’anno“. Il passaggio però non è scontato, visto che se non lo farà i costi della fecondazione dovrebbero finire in capo alle regioni.

Considerate che la fecondazione eterologa con seme da donatore in vitro costa 3.500 euro – di cui cinquecento sono costituiti da farmaci -, mentre la stessa operazione con ovociti da donatrice arriva a costare 4.000 euro.

LEGGI ANCHE
Fecondazione eterologa: cos’è, in cosa consiste e quanto costa
Fecondazione eterologa: gratuita, ma solo per donne in età fertile
Fecondazione eterologa: tutte le novità presentate dal Ministro Lorenzin

photo credit: Paolo Margari via photopincc

Il caso della Lombardia. 
Per quanto riguarda la Lombardia, l’assessore regionale all’Economia, Massimo Garavaglia, ha chiarito: “Vogliamo che il governo dica subito se inserisce questa prestazione nei Lea, i Livelli essenziali di assistenza. Se è così se ne assume l’onere e il problema viene risolto alla radice. Non è corretto, infatti, che una coppia lombarda, anche se va in Emilia Romagna, solo per fare un esempio, debba pagare interamente la fecondazione eterologa”. Per i lombardi, secondo quanto stabilito finora, l’eterologa costerà tra i 1.500 e i 4.000 euro (il prezzo dipende dalla tecnica di fecondazione scelta).

Le diverse tecniche. Le tecniche di fecondazione eterologa comprendono 3 diverse tipologie di attività da effettuarsi in setting assistenziale ambulatoriale. La conferenza delle regioni ha quindi condiviso una proposta di tariffe convenzionali da utilizzare nelle regioni e la relativa compensazione della mobilità interregionale. I costi variano a seconda  delle tecniche utilizzate.

- Fecondazione eterologa con seme da donatore con inseminazione intrauterina: 1.500 Euro (compresi 500 euro per i farmaci);

-

In relazione alla compensazione per le prestazioni effettuate in mobilità per pazienti provenienti da altre regioni, la conferenza delle regioni ha deciso di proporre che ogni regione riceverà dalle altre la differenza tra la tariffa convenzionalmente definita e quanto già introitato attraverso i ticket.