L’assalto al nuovo punto vendita di Trony a Roma con le sue immagini della ressa e dei litigi accesi tra i consumatori in fila, ha fatto discutere. Eppure la storia si ripete a Verona e Firenze.Stavolta il marchio inquisito non è la nota catena di prodotti elettronici, ma un altro marchio che si occupa di abbigliamento: la Coin. Come già sperimentato da H&M, la Coin ha fatto un accordo con la Napapijri per la produzione di una linea di piumini a basso costo.

Il nome della linea è anche in tema, Democratic. Questi piumini sono stati venduti al prezzo di 10 euro e saputa la notizia della vendita low cost, tantissimi cittadini si sono fiondati alla Coin per approfittarne. Hanno trovato ad attenderli file, stress e qualche rissa.

A Verona, per esempio, la vendita di piumini a 10 euro sarebbe dovuta iniziare soltanto alle 11, ma già all’alba erano numerose le chiamate al numero della polizia municipale per segnalare disordini e risse tra i consumatori. Tanto che la vendita è stata sospesa.

A Firenze è andato in scena qualcosa di simile, visto che alle 7 le persone in attesa dell’offerta erano già 400. Così come a Salerno. A Milano invece si è formata una fila di 300 metri in prossimità della Coin di piazza delle Cinque Giornate. Appena 20 minuti e tutti i piumini erano spariti.