(Finanza.com) Exor viaggia nelle ultime posizioni del Ftse Mib, dove cede oltre il 3,5% a 18,75 euro, in scia alla bocciatura di Goldman Sachs. Il broker Usa ha tagliato la raccomandazione sulla holding della famiglia Agnelli a neutral dal precedente buy. Mercoledì Exor ha annunciato di aver chiuso il terzo trimestre del 2012 con un utile netto consolidato attribuibile ai soci della controllante in crescita a 71,8 milioni di euro, 64,3 milioni in più dei 7,5 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso. Nei primi nove mesi l’utile è però sceso a 286,4 milioni di euro contro i 484,7 milioni di un anno fa.