Il meccanismo di ricapitalizzazione delle banche, il rafforzamento dell’euro e poi la questione di Cipro e della Grecia, e infine la nomina del successore di Junker. Sono numerosi i temi sul tavolo dell’Eurogruppo, in agenda domani pomeriggio.

I ministri delle Finanze europei si riuniranno a Bruxelles per discutere innanzitutto sulle modalità di ricapitalizzazione delle banche attraverso il fondo Esm. In questo ambito un accordo sembra essere ancora lontano (dovrebbe essere raggiunto entro giugno). Discussioni aperte anche sul caso Cipro, su cui dovrebbe giungere proprio lunedì il rapporto sulle banche del Paese. Ma anche in questo caso una decisione potrebbe essere rimandata a dopo le elezioni presidenziali di febbraio.

I ministri delle Finanze dovrebbe anche approvare il versamento degli aiuti alla Grecia per 9,2 miliardi di euro. Intanto preoccupa il rafforzamento dell’euro e confronti potrebbero nascere sull’andamento del tasso di cambio. Infine, l’Eurogruppo è chiamato a scegliere il successore di Jean Claude Juncker alla presidenza. Secondo le ultime indiscrezioni, il ministro delle Finanze olandese Jeoren Dijsselbloem è il candidato favorito. Il mandato alla guida dell’Eurogruppo è della durata di due anni e mezzo.