Lunedì scorso ad Abu Dhabi, il consiglio di amministrazione di Etihad, avrebbe dato l’ok per il matrimonio con Alitalia. Lo scrive oggi il Messaggero. Nei prossimi giorni dovrebbe arrivare una lettera di intenti con tutti i punti che dovrebbero portare all’alleanza tra le due compagnie. L’ annuncio ufficiale dovrebbe arrivare dal primo ministro Matteo Renzi fra qualche giorno.

Sarebbero state accolte le principali richieste degli arabi. Come gli esuberi: dovrebbero essere 2.600. Una cifra su cui la compagnia araba potrebbe aprire anche a compromessi. Intanto però il segretario della Uil, Luigi Angeletti, dichiara che per ora “non è arrivata nessuna lettera” – in risposta a una domanda sul futuro di Alitalia.

La compagnia degli Emirati avrebbe ottenuto soddisfazione piena sui contenziosi fiscali e legali del passato grazie alla creazione di un fondo rischi, a cui c’è da aggiungere un fondo per garantire Etihad dalle perdite 2014. L’azienda soprattutto avrebbe ottenuto la cancellazione complessiva di debiti delle banche per 562 milioni – più un’iniezione di denaro fresco per circa 300 milioni. In parte sarebbero cancellate e in parte trasformate in azioni.


photo credit: caribb via photopin cc