In caso di debiti con il Fisco, o di dubbi in merito alle cartelle esattoriali Equitalia ricevute, oltre agli sportelli distribuiti sul territorio nazionale, l’ente di riscossione mette a disposizione dei contribuenti abilitati a Fisconline e quindi in possesso del PIN rilasciato dall’Agenzia delle Entrate (o dall’INPS) un servizio di consultazione online delle informazioni relative a debiti e rateizzazioni.

Estratto conto Equitalia

Lo stesso PIN e le stesse credenziali dell’Agenzia delle Entrate e dell’INPS potranno essere utilizzati, oltre che per consultare l’estratto Equitalia, anche per gestire le pratiche Equitalia, evitando così di recarsi allo sportello. In particolare il servizio consente di:

  • verificare in tempo reale cartelle e avvisi di pagamento;
  • pagare i debiti fiscali;
  • rateizzare (somme a ruolo sotto i 50mila euro) e controllare l’attivazione delle procedure di riscossione.

Per accedere al servizio bisogna andare sul sito Equitalia ed accedere all’area riservata inserendo le credenziali (nome utente e password) fornite dall’Agenzia delle Entrate per il “Cassetto Fiscale” o dall’INPS per i servizi online (solo persone fisiche). In alternativa è possibile utilizzare la Carta Nazionale dei Servizi (CNS), o il codice unico SPID.

Nell’estratto conto Equitalia sono presenti tutte le informazioni utili al contribuente per individuare la natura degli eventuali debiti contratti dal 2000 ad oggi:

  • generalità del contribuente e suo codice fiscale;
  • cartella di pagamento relativa al debito con la sua data di notifica;
  • il tributo, le sanzioni, gli interessi e le spese di notifica che compongono il totale del debito a carico del contribuente.

Entro cinque anni dalla notifica è possibile richiedere una copia della cartella di pagamento notificata: è l’intervallo di tempo durante il quale, per legge, l’agente della riscossione è obbligato a conservare le cartelle esattoriali notificate.

Nel caso in cui si ritenga di non aver mai ricevuto la cartella esattoriale presente sull’estratto conto Equitalia, l’eventuale vizio di notifica deve essere accertato dal giudice, altrimenti si rischiano comunque pignoramenti, fermi amministrativi o iscrizioni di ipoteca da parte dell’ente di riscossione. In sostanza la cartella Equitalia mai notificata ma presente nell’estratto di ruolo deve essere impugnata chiedendo al giudice l’annullamento per vizio di notifica della cartella di cui si è venuti a conoscenza per mezzo dell’estratto di ruolo, un mezzo di informazione che non può ovviamente sostituire la regolare notifica della cartella di pagamento da parte dell’agente della riscossione.

Servizi Equitalia

Il servizio è uno dei tanti resi disponibili da Equitalia, che consentono, senza autenticazione, di:

  • effettuare pagamenti con carta di credito (“Paga online”);
  • richiedere la sospensione della riscossione per verificare quanto richiesto dagli enti creditori (“Sospensione online”);
  • chiedere l’assistenza di Equitalia (“Trova sportello” e “Canali di contatto”).

Per ulteriori informazioni o per consultare il proprio estratto Equitalia accedere al Servizio online di Equitalia