Gli esodati sono ancora al centro del dibattito tra i sindacati e la politica. Il problema è che finora nessuno riesce a fare una stima precisa di quanti siano e quindi di che costi potrebbe avere il risanamento della loro posizione contributiva e lavorativa. 

Mentre ci si chiede quanti siano effettivamente gli esodati, il governo ha messo in stadby la riforma del mercato del lavoro e quella pensionistica. Un accantonamento assolutamente temporaneo che fa tremare le parti sociali. La domanda è: se urgono le riforme, come si gestiscono gli esodati?

Questa particolare tipologia di lavoratori in attesa di entrare nel favoloso mondo della previdenza sociale, non ci sta e protesta a gran voce. L’ultima manifestazione è stata quella degli operai della Fiat che hanno occupato la sede dell’Agenzia delle Entrate di Termini Imerese.

La situazione in Sicilia è questa: la fabbrica di Termini Imerese sta per passare nelle mani di Dr Motor ma c’è un momento di stasi nella trattativa perché l’imprenditore Massimo Di Risio sta avendo difficoltà nell’ottenimento dei fondi necessari a capitalizzare la società.

In ballo c’è il lavoro di 2200 operai e tra loro anche 600 esodati. Dopo un’assemblea della Fim, Fiom e Uilm davanti alla fabbrica, è stato deciso di passare all’azione.