Sono in arrivo importanti novità per quanto riguarda Equitalia. Come annunciato dall’amministratore delegato Ernesto Maria Ruffini, è pronta l’introduzione, anche se per ora solo in via sperimentale, della rateizzazione e della domiciliazione bancaria, due elementi che dovrebbero garantire ai contribuenti maggior facilità nel regolarizzare le proprie posizione. Secondo il nuovo sistema di riscossione, al momento adottato solamente a Varese, Firenze e Lecce, le cartelle esattoriali inferiori ai 50mila euro verranno accompagnate da una proposta di rateizzazione che prevede rate a partire da 50 euro al mese.

I contribuenti gradiscono il nuovo approccio“, ha dichiarato Ruffini in un’intervista al Messaggero, “non fa mai piacere ricevere una cartella ma vedere subito che si può pagare gradualmente spinge a togliersi il pensiero. Con la stessa logica, i contribuenti possono fare la domiciliazione bancaria. Sembra una sciocchezza, ma a volte si saltano le rate per dimenticanza”. Con conseguenze ulteriormente spiacevoli, come more e multe. A proposito di semplificazione: a partire dal prossimo giugno, le partite IVA riceveranno tutte le comunicazioni da Equitalia via posta elettronica certificata, e anche le persone fisiche, se lo vorranno, potranno optare per la pec come unico canale di comunicazione.

Ruffini ha inoltre confermato che tra un paio di mesi Equitalia diventerà un unico organismo autorevole sull’intero territorio nazionale. “Dal primo luglio scompaiono le tre società Equitalia Nord, Centro e Sud e nasce Equitalia Servizi riscossione che opererà su tutto il territorio nazionale. In termini calcistici dalla marcatura a uomo passiamo a quella a zona, così disperdiamo meno energie e rendiamo un miglior servizio”. In termini non calcistici, nelle previsioni la ristrutturazione di Equitalia – e la conseguente fusione di tre consigli d’amministrazione, tre collegi sindacali e tre organi di vigilanza – comporterà un miglior sfruttamento delle risorse, e dunque un risparmio di 300mila euro su base annua, oltre a una auspicabile implementazione dei servizi.