(Finanza.com) Eni ha deciso di rinviare al terzo trimestre 2014 l’avvio della produzione nel giacimento di Goliat nel mare di Barents. Lo si apprende in una nota stampa del gruppo energetico italiano. L’aumento di costo atteso dal rinvio è stimato in circa 2,5 miliardi di corone norvegesi. Eni è l’operatore del progetto con il 65%, mentre Statoil ha il 35%.