Open Meter: è questo il nome del nuovo contatore elettronico messo a punto da Enel, che promette di risparmiare elettricità e di conoscere in diretta i consumi delle famiglie.

A presentare il progetto direttamente l’ad Francesco Starace, insieme al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, nel corso dell’evento di comunicazione della nuova campagna di sostituzione.

Il contatore 2.0, atteso dagli utenti da circa due anni, verrà infatti sostituito in modo gratuito dal personale Enel munito di tesserino (in modo da prevenire truffe e furti). Sono 250 le imprese coinvolte nei lavori operativi di sostituzione, per un totale di 4mila persone impiegate.

Tra le varie migliorie anche la possibilità di monitorare la rete di bassa tensione in modo capillare migliorando così la gestione del servizio. I dati sui consumi rivelati dal contatore Open Meter saranno aggiornati ogni 15 minuti, per un miglioramento dei processi di fatturazione dell’energia sensibile (con una minore incidenza dei detestati conguagli).

Contestualmente viene promessa anche una maggiore efficienza anche nei processi commerciali di voltura e cambio di fornitore. Rimane la possibilità di usufruire di proposte commerciali da parte degli altri venditori di elettricità sul mercato, in base alle esigenze e ai profili di consumo degli utenti, che potranno scaturire in offerte dinamiche o prepagate.

L’ad Starace ha promesso “un mondo di possibilità per case, fabbriche, uffici, centri commerciali, con un salto di prestazioni sia nella tutela del consumatore che nelle nuove opportunità offerte”: in chiave economica è stato sottolineato da parte del premier come l’operazione “darà lavoro e ossigeno alla nostra economia”.

Si prevede che i primi 13 dei 41 milioni di contatori verranno installati entro il 2019, per un investimento di 1,3 miliardi di euro; secondo step entro il 2024 (altri 2,7 miliardi) per occuparsi di 32 milioni di apparecchi; infine si stima che verranno posizionati altri 9 milioni di contatori per le nuove connessioni e richieste dei nuovi clienti.