Nel 2002 la famiglia Malkind ha comprato da Donald Trump non solo l’Empire State Building ma anche parte del territorio circostante. L’affare, all’epoca, aveva portato nelle tasche di Trump qualcosa come 57 milioni di dollari. Adesso la società dei Malkind pensa al grande salto. Dopo aver acquistato da Trump l’Empire State Building, adesso la società che possiede quei famosi grattacieli, la Empire State Realty Trust Inc, ha pensato di fare il grande salto quotandosi in borsa.

Per questo la Securities and Exchange Commission sta già valutando l’offerta pubblica iniziale, la cosiddetta IPO che dovrebbe valere un miliardo di dollari.

Un’indiscrezione questa che non è stata certo taciuta agli investitori, anzi circola dal novembre scorso. Nell’autunno del 2011, poi, sono stati valutati e osservati con attenzione anche i lavori effettuati dalla Empire State Realty Trust Inc.

L’Empire State Building è stato restaurato e rinnovato. Per portare avanti questa “ristrutturazione” è stato speso circa mezzo miliardo di dollari. Migliorie che hanno comunque generato debiti. Ora per coprire spese e debiti e per fare nuovi investimenti, si spera nel mercato azionario.

Alla famiglia Malkind servirebbero tra i 175 e i 215 milioni di dollari per portare a termine tutte le modernizzazioni necessarie entro il 2013.

L’Empire State Building, lo ricordiamo soltanto per i più curiosi, è stato costruito nel 1931.