Dopo l’incertezza del voto italiano, che non ha sancito una vera maggioranza al Senato, lo spread Btp Bund già nelle prime battute mattutine è schizzato a quota 343 punti base dopo aver aperto a 300, mentre il rendimento dei titoli di Stato è al 4,88% e Piazza Affari fa registrare un -5%.
Ieri il differenziale tra il Btp decennale e l’equivalente tedesco nel primo pomeriggio era sceso a un minimo di 254 punti, per risalire in serata a quota 293 punti dopo che i dati elettorali delineavano sempre più marcatamente uno scenario di ingovernabilità.
E oggi all’Italia tocca davvero tremare per la reazione del mercato, con un’asta di Bot 6 mesi da 8,75 miliardi di euro e una molto più drastica asta di Btp scadenza 2023 da 4 miliardi di euro domani.
La paralisi solleva preoccupazioni sia sui mercati sia tra i leader politici europei, con la prospettiva che l’Italia possa procedere a passi più lenti nel risanamento dei conti pubblici e nella crescita economica”, ha dichiarato a Reuters Alessandro Tentoni di Citigroup, aggiungendo che “l’alta incertezza politica, che rischia di persistere nel prossimo periodo, probabilmente avrà un impatto negativo sulle decisioni a livello di investimenti reali e finanziari in Italia”.