I paperoni non risentono della crisi. Secondo il Bloomberg Billionaires Index nel 2012 il patrimonio complessivo dei 100 maggiori benestanti del pianeta si è attestato a 1.900 miliardi di dollari, 241 miliardi in più rispetto a un anno prima.

In prima e seconda posizione troviamo il re delle tlc Carlos Slim e il fondatore di Microsoft Bill Gates che possono vantare un patrimonio di 75,2 e 62,7 miliardi di dollari, rispettivamente il 21,6 e il 12,6 per cento in più rispetto al 2011.

Indicazioni più interessanti arrivano dal terzo e dal quinto classificato, Amancio Ortega e Ingvar Kamprad. Entrambi rappresentano la quintessenza del low cost: il primo è il proprietario della catena di abbigliamento Zara mentre il secondo guida Ikea, il colosso dell’arredamento svedese. Ortega in un anno ha visto la sua ricchezza salire del 63% a 57,5 miliardi mentre il patrimonio di Kamprad è cresciuto del 16,6% 42,9 miliardi.

In terza posizione Mr Zara ha scalzato il guru di Wall Street Warren Buffett, che con un patrimonio di 47,9 miliardi si è classificato quarto (+12%).

Nel complesso, dai dati stilati da Bloomberg si evince che nel 2012 solo 16 magnati su 100 hanno registrato un calo della propria ricchezza.