Oggi alle 14 il presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi terrà un briefing a porte chiuse davanti ai comitati sul Bilancio, Finanza e Affari Europei del Parlamento tedesco, e terrà poi una conferenza stampa alle 16 pomeridiane. Tema: il meccanismo di acquisto bond illimitati (l’Outright Monetary Transaction). Il numero uno dell’Eurotower cercherà di spiegare i vantaggi davanti ai tre comitati tedeschi, che hanno mostrato scetticismo nei confronti di un meccanismo di “salvataggio” del debito pubblico europeo visto come un affronto alle regole della politica monetaria. Draghi cercherà di dissipare i timori sul fatto che l’OMT causi inflazione nell’Eurozona o eccesso di oneri a carico dei Paesi europei che, come la Germania, sono nelle condizioni di accollarsi una fetta maggiore di debiti, a tutto vantaggio delle nazioni meno virtuose.

 Proprio grazie a questo meccanismo, il primo ministro spagnolo potrebbe non chiedere ancora nessun aiuto a favore del Paese. “La Banca Centrale Europea ha implementato un meccanismo per acquistare i bond di un Paese che ne faccia richiesta, e questo è un importante passo avanti”, è stato il commento di Mariano Rajoy, che non ha fatto accenno ad una richiesta di bailout da parte di Madrid. Il capo del governo iberico ha parlato in scia alle dichiarazioni del ministro del bilancio Cristobal Montoro, che ha assicurato che nel 2013 il target di un debito pubblico al 6,3% del Pil sarà rispettato. “Le cose possono essere fatte con più calma”, ha detto il premier spagnolo, ventilando la possibilità di allentare i target di bilancio fissati dall’Unione Europea. “Penso ciò che pensano molte persone”, ha aggiunto Rajoy. “In ogni caso non si può tornare indietro sull’impegno della Spagna, ma le cose si possono fare con più calma, tenendo conto soprattutto che siamo in recessione”.