All’inizio dell’anno ho scritto un post promemoria in cui vi ricordavo che la legge di Stabilità 2013, ha prolungato fino alla fine di quest’anno la detrazione Irpef del 50% sulle ristrutturazioni edilizie. Insieme a questa detrazione possiamo ottenere un’agevolazione della stessa percentuale per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici, per una spesa massima di 10.000 euro.

Come ha specificato l’Agenzia delle Entrate si può chiedere un bonus mobili solo se si fanno dei lavori di manutenzione straordinaria – almeno – o di più, come restauro e risanamento conservativo, interventi di recupero edilizio di interi fabbricati.

I casi di manutenzione ordinaria consentono di avere il bonus fiscale relativo all’acquisto di mobili ed elettrodomestici solo se riguardano le parti comuni di un condominio – ed in questo caso ovviamente i mobili ed elettrodomestici devono riguardare tali parti comuni.

L’Agenzia delle Entrate considera come non abbinabile al cosiddetto bonus mobili i lavori per la prevenzione di atti illeciti da parte di terzi (come porte blindate), gli interventi di cablatura degli edifici, o gli interventi per il risparmio energetico. Nelle situazioni dubbie conviene sempre rivolgersi ad un tecnico…
photo credit: MAZZALIARMADI.IT via photopin cc