Buone notizie – ma il condizionale è d’obbligo quando si parla del governo Renzi – sul fronte delle detrazioni Irpef che riguardano l’acquisto di mobili o grandi elettrodomestici (legato ai lavori di ristrutturazione edilizia). Secondo il sottosegretario allo sviluppo economico – in quota Ncd – Simona Vicari il cosiddetto bonus mobili potrebbe essere prorogato almeno fino al 2020. Secondo la politica siciliano l’esecutivo sta ”lavorando per rendere strutturale l’attuale bonus sugli arredi, legato alle detrazioni sulle ristrutturazioni edilizie, almeno sino al 2020“.

Il governo Renzi con queste dichiarazioni probabilmente cerca di dare una risposta alle pressioni di FederlegnoArredo, che oltre al prolungamento degli incentivi, vorrebbe l’Iva agevolata sugli acquisti per le giovani coppie e l’estensione del bonus sugli investimenti di hotel e pubblici esercizi in vista dell’Expo 2015. Anche su questo punto la Vicari ha sparso promesse – che del resto sono il pane quotidiano dei politici -, aprendo alla possibilità di creare un bonus fiscale a favore delle strutture ricettive per consentire la loro riqualificazione. Sarebbe necessario però un minimo di spesa fissato in 100.000 euro.


LEGGI ANCHE
Detrazioni fiscali 2014: quando è possibile ottenere il credito Irpef del 50%
Incentivi fiscali 2014: le ristrutturazioni edili e gli interventi di risparmio energetico
Legge di stabilità detrazioni fiscali: le spese sanitarie si salvano dal taglio

photo credit: Gilbert-Noël Sfeir Mont-Liban via photopin cc