Difficile prendere le parti per uno dei due. Come al solito ad aprire le danze è Diego Della Valle che non perde l’occasione – e se non ce l’ha se la cerca – per scagliarsi contro Fiat e gli Agnelli-Elkann. In questo caso il motivo del contendere è Rcs, il patron di Tod’s è pronto a varare la più volte annunciata azione di responsabilità contro il Cda di Rcs ed il suo amministratore delegato Pietro Scott Jovane.

Sul tema il nipote dell’Avvocato si è espresso in un modo che avrebbe sicuramente fatto rabbrividire il nonno per i toni utilizzati: “Non posso pensare che Della Valle abbia preoccupazioni su Rcs, penso che la Tod’s lo preoccupi. La Tod’s va male, è giù del 20% rispetto da inizio anno. Rispetto ai suoi concorrenti Prada, Armani, Lvmh e Kering è un nano. Un’azienda di dimensioni piccole e non sta andando bene.

John Elkann poi si è detto “molto soddisfatto, come lo sono e dovrebbero essere tutti gli azionisti di Rcs, da quando l’aumento di capitale è avvenuto, il titolo è cresciuto del 25%, la società è gestita bene, le azioni del management sono state molto efficaci e il cda è indipendente e prende le decisioni nell’interesse della società”.

La controreplica di Mister Tod’s non si è fatta attendere, perché ha invitato il presidente Fiat in azienda, “Potrebbe anche rimanere per uno stage, visto che ha molto tempo libero”, e si è messo pure ad attaccare Fiat “Con un Paese che vive una situazione drammatica, invece di essere pronta a dare il massimo appoggio, è scappata nella penombra”, e proponendo al presidente del Lingotto un confronto pubblico… Non poteva mancare il riferimento alla sua azienda che “realizza prodotti ottimi con dipendenti molto preparati, con una situazione finanziaria solidissima che non ha mai fatto cassa integrazione «Ora, comunque, basta con queste discussioni da pianerottolo, ce ne sono già troppe in questo Paese e non servono a nulla“.

Difficile credere che il battibecco si fermi qui… La prossima battaglia si giocherà sugli alleati che Della Valle potrebbe trovare nella sua azione verso Rcs (si vocifera di Urbano Cairo e Mediobanca)

photo credit: achimh via photopincc