Il decretone sulla sanità in arrivo al Consiglio dei Ministri venerdì prossimo si promette di promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute. Sono previste, ad esempio, multe pesanti ai tabaccai che vendono sigarette ai minorenni, gioco d’azzardo vietato a meno di 500 metri da scuole e ospedali, cartelli con informazioni sul congelamento del pesce fresco e il sushi.

Ampia parte dedicata ai farmaci

Un’ampia parte del decreto è dedicata ai farmaci. Sono previste norme sulla sperimentazione (coordinata dall’Agenzia Aifa), sui medicinali omeopatici, con procedure di autorizzazione semplificate, e sulla revisione del prontuario terapeutico dal quale saranno cancellati i prodotti il cui impiego non è più considerato utile per il servizio sanitario pubblico. Con riferimento alla professione medica sarà introdotta la novità per i medici di famiglia di un’aggregazione in uno studio per garantire un servizio sul territorio 24 ore su 24.

Ulteriori novità sono le restrizioni nell’acquisto di sigarette da parte di minorenni con forti multe ai tabaccai e la tassa sulle bibite gasate e dolci, che ha come bersaglio principale la Coca-Cola. Si pensa di ricavare 250 milioni di euro l’anno. Previsto nei prossimi tre anni un prelievo di 7,16 euro ogni 100 litri introdotti nel mercato.  Infine, sarà ampliato l’elenco delle malattie rare con cure a carico dello Stato e sarà disegnato un piano sulla non autosufficienza da finanziare con la liberalizzazione di fondi ora utilizzati in altri settori. Ultima novità sono le azioni di contrasto alle ludopatie, ossia la dipendenza da gioco d’azzardo che a certi livelli diventa malattia.