Il nostro governo, in questo momento, deve assolutamente approvare degli strumenti per rilanciare la crescita dell’Italia e la soluzione è stata trovata nell’incentivo all’innovazione tecnologica. 

Il Presidente del Consiglio, nell’ultimo consiglio dei ministri, la scorsa settimana, ha approvato una serie di misure per il rilancio del nostro paese. Interessante l’insistenza sull’agenda digitale, la necessità di istituire un’anagrafe della popolazione residente locale, ma anche la volontà di unificare e migliorare i rapporti con le Pubbliche Amministrazioni. Infine un particolare rilievo è stato dato agli open data.

Ecco i primi cinque punti che abbiamo già ampiamente presentato in un altro articolo. Adesso proviamo a prendere in considerazione altri punti interessanti del decreto crescita.

Un settore importante che deve essere telematizzato è quello del trasporto pubblico in cui devono essere promossi i biglietti elettronici in modo da ridurre le emissioni di biglietti di carta. Un modo per tenere anche sotto controllo il traffico.

Interessante e necessaria la volontà di controllare le spese delle PA, obbligandole a fare acquisti soltanto in via telematica. 

Novità importanti anche nel mondo scolastico e accademico visto che nelle università è introdotto il cosiddetto fascicolo elettronico dello studente e per quanto riguarda le scuole si pensa di sostituire i libri tradizionali con la loro versione digitale da supportare con edizioni cartacee più snelle.

Sulla stessa linea d’onda anche l’attivazione del fascicolo sanitario elettronico per contenere tutti i dati dei pazienti in formato digitale.