A settembre potrebbe essere un bel giorno per le imprese fornitrici della pubblica amministrazione, il governo infatti ha intenzione di definire i termini per liquidare altri 10 miliardi, oltre ai 20 già previsti nel secondo semestre del 2013.

A riferirlo il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni intervenendo in Senato. Lunedì 22 il ministro aveva annunciato lo stanziamento di 15,7 miliardi di euro per le imprese mentre ieri è stato chiaro “A settembre vedremo se fare un’ulteriore accelerazione dei pagamenti aggiungendo un ulteriore importo che potrebbe essere stimato in circa 10 miliardi, portando il totale a 50 miliardi nell’arco di 12 mesi”.

Tutte queste decisioni derivano dal decreto 35 del governo di Mario Monti, e convertito in legge a giugno, che prevede di liquidare le imprese con una cifra intorno ai 40 miliardi nell’arco di 12 mesi.

Ai 20 di quest’anno se ne aggiungeranno altri 19,8 nel 2014. Come definito da Saccomanni, l’ulteriore tranche di 10 miliardi non sarebbe un anticipo dei rimborsi già programmati per il 2014.