(Finanza.com) La debole domanda nell’Europa del Sud, soprattutto in Spagna, e l’inflazione sui costi delle materie prime pesa sulla performance di Danone che rivede al ribasso alcuni target per il 2012. Il gruppo alimentare francese ha fatto sapere oggi che il margine operativo commerciale 2012 sarà 50 punti base più basso rispetto allo scorso anno. A febbraio Danone aveva previsto un margine operativo stabile. Confermati invece i target sulle vendite e i flussi di cassa: i ricavi dovrebbero crescere del 5-7%, mentre il free cash flow dovrebbe raggiungere i 2 miliardi di euro.