Oggi la commissione Bilancio della Camera dovrebbe votare un risoluzione per stabilire un vincolo ai risparmi che arriveranno dalla spending review e ai proventi della lotta all’evasione fiscale. I soldi così raccolti dovrebbero essere fatti confluire in un Fondo automatico che taglierà il cuneo fiscale. La risoluzione dovrebbe poi stabilire che il prossimo Def  indichi il percorso di riduzione della spesa pubblica e della pressione fiscale per allineare progressivamente  la situazione italiana a quella del resto dell’Eurozona.

La risoluzione è voluta dal presidente della Commissione, il democratico Francesco Boccia, e dovrebbe portare ad un emendamento per introdurre il fondo automatico nella legge di stabilità. Sul tema l’onorevole si aspetta “un ampio consenso, anche da parte delle opposizioni, che dovrebbe spianare la strada a un emendamento del relatore o dei gruppi parlamentari che dovrebbe ricalcare il testo della risoluzione”.

La maggioranza vorrebbe anticipare di un anno la spending review prevista per il 2015: si tratta di 3,6 miliardi di euro. E la dote prevista dovrebbe essere alimentata da altre fonti, come la web tax, lanciata proprio da Boccia qualche tempo fa, e da ritocchi nella Tobin Tax – su questo tema però si sta spendendo soprattutto il partito democratico

Il tempo per queste mosse e per evitare la Mini Imu a gennaio comunque stringe….

photo credit: jDevaun via photopin cc