Per ora il governo Renzi è piuttosto fumoso quanto a coperture… Si parla di dieci miliardi, ma dove arrivino i soldi esattamente non si sa. Il nostro ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, avrebbe dovuto fare chiarezza sui numeri, ma nella sua intervista apparsa sul Sole 24 Ore, tutte queste cifre non ci sono.

Si sa che cinque miliardi all’anno arriveranno dalla spending review (il governo Letta parlava di tre), che altri soldi potrebbero arrivare dal “rientro dei capitali“, ma il resto non si sa…

Nell’intervista si esclude che l’intervento a breve arrivi da un riordino della tassazione, perché prima di fare una scelta il neo-ministro vuole un tavolo che studi per benino gli effetti di uno spostamento del carico fiscale per meglio calibrare le scelte

Insomma l’unica cosa certa – ma fino ad un certo punto – è che l’intervento dovrebbe essere concentrato nel taglio del cuneo sulle imprese o sui dipendenti, e non spalmato tra le due alternative… Ad occhio direi che sia meglio una gallina oggi che l’uovo domani, e quindi meglio tagliare gli oneri sui dipendenti che così possono spendere un po’ di più… Ma dubito che si arrivi a questa scelta…

A breve poi dovrebbe arrivare al Consiglio dei ministri il provvedimento che dovrebbe sbloccare  60 miliardi di vecchi debiti della Pubblica Amministrazione.