La crisi economica preoccupa parecchio, sono interessati all’argomento circa 8 italiani su 10 che affrontano i primi giorni del nuovo anno con un sentimento misto tra diffidenza e timore. L’indagine di Confesercenti. La Confesercenti in collaborazione con Swg ha cercato di capire quanto la crisi che coinvolge il nostro paese e più in generale l’economia globale possa preoccupare gli italiani.

Ebbene il 48 per cento dei nostri connazionali stima che la situazione dell’Italia sia pessima mentre il 36 per cento si aspetta addirittura un peggioramento delle condizioni famigliari.

Già nel 2011, poi, l’83 per cento degli italiani ha ridotto le spese e nel 2012 sembra si debba continuare a tagliare. La fotografia scattata da Confesercenti-Swg dice che soltanto il 62 per cento degli italiani riesce a coprire con lo stipendio tutte le spese, mentre il 28 per cento non va oltre la terza settimana.

Rispetto all’anno scorso gli italiani sono molto più pessimisti: nel 2010 coloro che pensavano che la situazione fosse pessima erano il 33 per cento, così come erano il 18 per cento coloro che si attendevano un peggioramento.

Il problema è che quasi la metà dei nostri connazionali non pensa che possa esserci una svolta nel 2012. Affrontano positivamente il nuovo anno soltanto 17 cittadini su 100 tra gli intervistati. L’anno scorso anche questa percentuale era “migliore”: equivaleva al 24 per cento.