Le Poste degli Stati Uniti sono in crisi  e secondo quanto si apprende dai dati ufficiali ha davvero i conti in rosso. Si tratta di una situazione già evidenziata dalle riviste americane e che gli analisti definiscono addirittura allarmante. Ecco una piccola panoramica della situazione.

Il servizio postale, in generale, è sempre in crisi nel mondo dominato dalla tecnologia visto che la maggior parte della corrispondenza è gestita in formato elettronico, anche e soprattutto adesso che si parla e si usa tanto la posta certificata. Chiaramente stiamo parlando di un’abitudine italiana, ma a livello internazionale la tecnologia ha rivoluzionato il modo di trasmissione delle informazioni.

A settembre la situazione delle poste americane si è fatta ancora più difficile. Il servizio postale americano, l’US Postal Service ha raggiunto un indebitamento incredibile con il Ministero del Tesoro americano. Si parla di circa 15 miliardi di dollari che sono anche il livello più alto mai raggiunto e una soglia che dovrebbe essere invalicabile.

L’US Postal Service, dunque, già il 30 giungo ha chiesto dei soldi in prestito, ben 2,4 miliardi dollari, ed ha chiuso anche un trimestre in netta perdita. In questo caso il buco creato è di 5,2 miliardi di euro. A questo punto la liquidità nelle casse delle poste americane, non basta a pagare tutti i debiti.