Era dalla seconda guerra mondiale che non accadeva, gli Usa attaccano la Germania accusandola di essere un problema per l’Europa.

“Un freno per la ripresa dell’Eurozona con una politica economica troppo egoista che danneggia i suoi partner dell’Europa meridionale e soffoca l’economia globale, questa è l’esplicita accusa che il Tesoro USA, nel suo rapporto semestrale sulla manipolazione delle valute, ha mosso contro la “locomotiva d’Europa”.

In dettaglio si legge che: “La crescita anemica della domanda interna tedesca e la dipendenza di questo Paese dalle esportazioni hanno ostacolato il ribilanciamento delle economie proprio quando a diversi altri Paesi dell’eurozona era stato chiesto di contribuire all’aggiustamento frenando la loro domanda interna e comprimendo le importazioni. Il risultato di tutto ciò è stato una tendenza deflazionista prima dell’area dell’euro e poi dell’economia mondiale”.

Una chiara accusa alla politica economica tedesca, tutta basata sulle esportazioni e poco sulla domanda interna, che ha effetti devastanti per i vicini europei e che rischia di espandersi. (foto by InfoPhoto)

Contestazioni che Berlino non accetta e rispedite al mittente: ”Incomprensibili critiche” e tramite una nota del ministero delle Finanze viene sottolineato che “il surplus di bilancio tedesco non è fonte di preoccupazione, né per la Germania né per l’eurozona o l’economia mondiale”. Una correzione della politica economica e finanziaria non è necessaria, replica il ministero di Wolfgng Schaeuble.

La Germania viene menzionata anche prima della Cina nelle conclusioni del documento come “key findings”, quando si tratta di elencare i Paesi considerati problematici dagli Stati Uniti.

Nel rapporto l’economia tedesca viene additata dal Tesoro per “l’anemico passo della crescita della domanda domestica e la dipendenza dalle esportazioni”.

Molti troveranno quella degli Stati Uniti come una risposta allo scandalo datagate e tutte le polemiche che ne sono scaturite, anche in sede Onu, ma non è vero. Quello del tesoro è un documento tecnico importante, non politico. Interessa più noi italiani.

Una chiara accusa, quella degli Stati Uniti, alla Politica di Austerity tedesca che  ha favorito la Germania stessa, a scapito degli altri paesi dell’area Euro.