Gli uccelli del malaugurio e i profeti di sventura su Alitalia negli ultimi giorni sono scomparsi. Intendiamoci, fare il giornalista o il blogger significa anche informare e criticare, ma questo non deve diventare la scusa per gli attacchi distruttivi che non portano da nessuna parte

Alitalia ed i sindacati hanno raggiunto un accordo sulla gestione dei 1.900 esuberi previsti dal piano industriale. Scongiurato il rischio di cassa integrazione a zero ore e tutti gli esuberi sono stati mantenuti all’interno del ciclo produttivo grazie alla cig a rotazione.

Per quanto riguarda i piloti e gli assistenti di volo ci sarà una cassa integrazione per cinque giorni al mese, mentre per il personale di terra il picco massimo previsto è di 13 giorni al mese. Per il personale più colpito Sono previsti anche piani di formazione e riqualificazione.

L’amministratore delegato di Alitalia Gabriele Del Torchio si è dimostrato ottimista sull’affaire Etihad: “Ieri c’è stato un incontro perché c’era la conferenza annuale di Etihad e dei suoi partner. Ho avuto modo di parlare con l’amministratore delegato, James Hogan. Penso che nel giro di qualche settimana dovremmo passare alla stesura del piano congiunto per i prossimi cinque anni“. A suo dire, la nostra ex-compagnia di bandiere vorrebbe riconquistare spazio su Malpensa

photo credit: lkarasawa via photopincc