Il documento finale dell’Ecofin, approvato da tutti i ministri dell’economia dell’Unione europea (per l’Italia presente il ministro Padoan), sostiene gli obiettivi che l’Italia si è prefissa in termini di crescita e riforme. A settembre ci sarà un nuovo appuntamento, che sarà il modo per un ulteriore scambio di vedute e per rivalutare investimenti e riforme strutturali.

All’interno del documento si legge che: “Il Consiglio Ue sostiene gli obiettivi della presidenza italiana di rafforzare crescita e occupazione attraverso uno sforzo comune di riforma e ha deciso, basandosi sulle conclusioni del vertice europeo, che bisogna dare particolare attenzione alle riforme strutturali che sostengono la crescita e migliorano la sostenibilità dei bilanci, anche attraverso una valutazione appropriata di misure di bilancio e riforme, facendo miglior uso della flessibilità inserita nelle esistenti regole del Patto“.