Dell’aumento delle tariffe autostradali vi ho già scritto qualche giorno fa… Ed è solo uno dei tanti rincari che in questi giorni stanno colpendo gli automobilisti italiani. L’ultimo in ordine di tempo lo ha denunciato il Codacons, e riguarda il rinnovo della patente. Il costo salirà di 26 euro, a causa di una maggiore spesa per la visita medica di 15 euro, di 6,8 euro per la posta assicurata e di 4 euro per le nuovo fototessere…

L’aumento dei pedaggi sulle autostrade secondo Adusbef e Federconsumatori peserà invece in media per 87 euro annui a famiglia. Gli incrementi previsti secondo le due associazioni  “risultano di gran lunga superiori al tasso di inflazione e avranno ripercussioni pesanti su tutti i prezzi, andando a sommarsi alla ormai insostenibile pressione fiscale”.

Secondo Staffetta Quotidiana, il prezzo della benzina è salito in media di 1,3 centesimi (il confronto è con l’inizio del 2013), il gpl segna un +4,2 centesimi, mentre il diesel è diminuito di 1,3 centesimi e il metano è quasi stazionario +0,3 centesimi. Come sempre siamo in controtendenza, visto che sui mercati internazionali, i prezzi dei carburanti presentano tutti segni negativi – tutto a causa dell’euro forte.

L’aumento dei prezzi si è fatto sentire soprattutto nel mese di dicembre. Nelle rilevazioni preliminari dell’Istat si registra un aumento mensile della benzina dell’1,3% e del diesel dell’1,2%. Codacons in particolare rileva che “il vero allarme riguarda il gpl, che ha sfondato quota 0,900 euro/litro, segnando un aumento del 15% rispetto al mese di novembre e una maggiore spesa per un pieno di 35 litri superiore ai 4 euro”.

Anche sulle assicurazioni auto arrivano notizie negative. Secondo le rilevazioni del portale Facile.it quasi 1,2 milioni di italiani si troveranno a pagare un premio assicurativo più elevato dopo essere stati responsabili di un incidente nel 2013.

Il numero degli italiani penalizzati per aver causato un sinistro è in diminuzione. Un calo dovuto alla riduzione del parco auto circolante e dei chilometri percorsi…
photo credit: ruurmo via photopin cc