Nel primo semestre dell’anno in corso sono aumentate le contraffazioni delle banconote in euro: + 13,2% rispetto al primo semestre dell’anno passato. La crescita è ancora più spiccata se si confronta il giugno del 2012 e quello da poco passato: + 26,3%. Secondo la Banca centrale europea, nei primi sei mesi di quest’anno sono state confiscate 317.000 banconote contraffatte. All’aumento delle contraffazioni corrisponde una riduzione delle frodi che riguardano le carte di credito - probabilmente costa meno falsificare le banconote.

L’aumento delle contraffazione risulta evidente dal confronto di poche cifre le banconote contraffatte e ritirate dalla Bce nel primo semestre del 2012 sono state 251.000, nel semestre successivo sono passate a 280.000 per arrivare alle 317.000 del semestre appena trascorso. Quali sono le banconote più falsificate? Si tratta di quelle da venti euro – il 38% delle contraffazioni – seguite da quelle da cinquanta44,1%. Le operazioni di confisca sono avvenute per il 98,5% nei paesi dell’Eurozona.

Tra i falsari come sempre l’Italia gioca un ruolo importante – basti pensare all’operazione condotta dalla Guardia di Finanza che ha portato all’arresto – il 20 giugno – di 77 persone in diverse regioni italiane. Sulle carte di credito i dati sono meno aggiornati. Tra il 2007 ed il 2011 nella Single Euro Payments Area (Sepa), ovvero i 28 Paesi dell’Unione europea insieme a  paesi come l’Islanda, il Liechtenstein, il principato di Monaco, la Norvegia e la Svizzera – in totale si tratta di oltre cinquecento milioni di persone – i casi di frodi sulle carte di credito sono diminuiti del 7,6%.

photo credit: D.o.M.e.N.i.C.o (memmo77 su Ruzzle :D ) via photopin cc