Il paniere dell’Istat per il calcolo dell’inflazione si allarga e si adegua alle nuove tendenze in tema di consumi. Nell’anno in corso l’istituto di statistica ha annunciato che monitorerà l’andamento dei prezzi analizzando 1.429 prodotti contro i 1.383 del 2012, raggruppati in 603 pozioni rappresentative (597 l’anno scorso). “Le revisioni apportate al paniere nel 2013 – precisa l’Istat – sono di diversa natura, finalizzate per cogliere l’evoluzione dei comportamenti di spesa dei consumatori”.

Tra i cambiamenti più significativi l’ingresso nel paniere della posizione rappresentativa gas metano per autotrazione. Viene ampliata, invece, la gamma di prodotti in cui si articolano le posizioni rappresentative smartphone e tablet pc, che ora comprendono rispettivamente i phablet (che combinano le caratteristiche degli smartphone e dei mini tablet) e i tablet trasformabili, utilizzabili anche come notebook. Inoltre, nella voce abbigliamento per bambino (3-13 anni) sono state introdotte cinque nuove posizioni.

Escono dal paniere le posizioni rappresentative netbook e mediazione civile: la prima perché si è ridotta la spesa delle famiglie destinata a tale bene, la seconda a seguito della sentenza della Corte costituzionale del 24 ottobre 2012, che ne ha cancellato l’obbligatorietà, inizialmente prevista per alcune materie.

Filetto di merluzzo surgelato e amaro. Sono due tra le novità più curiose delle nuove posizioni del paniere 2013 inserite “per meglio rappresentare, nell’ambito dei relativi segmenti di consumo, abitudini di spesa espresse, fino al 2012, dalle posizioni, ora in uscita, nasello surgelato e brandy”. È stata anche aggiunta la posizione rappresentativa reintegratore energetico, bevanda utilizzata per reintegrare sali e vitamine.

La revisione annuale del paniere ha riguardato anche variazioni conseguenti a scomposizioni di posizioni rappresentative e a integrazioni con nuovi prodotti. Infatti, sempre finalizzati a migliorare la copertura dell’insieme dei consumi che le posizioni rappresentano, diversi sono i casi in cui posizioni semplici sono divenute composite con l’ingresso di nuovi prodotti: il caso della posizione taxi-corsa urbana ora affiancata da due nuovi prodotti, tra cui “taxi-corsa per l’aeroporto”, nella posizione composita taxi o nell’ambito del segmento di consumo salse e condimenti, oppure l’aceto ora distinto nei due prodotti “aceto di vino” e “aceto balsamico”.

Infine è stata modificata dall’Istat la struttura di ponderazione del paniere. Rispetto all’anno precedente aumenta il peso relativo delle divisioni di spesa abitazione, acqua, elettricità e combustibili, servizi ricettivi e di ristorazione, mobili, articoli e servizi per la casa, ricreazione, spettacoli e cultura, comunicazioni e bevande alcoliche e tabacchi. I cali più rilevanti in termini assoluti riguardano, invece, le divisioni servizi sanitari e spese per la salute, abbigliamento e calzature e trasporti.