La presenza della rete con le banche online e i comparatori – di assicurazioni ma non solo – ha rivoluzionato i mercati finanziari. Dobbiamo aspettarci che anche in futuro molte cose possano cambiare a seguito della crescente interconnessione che garantisce Internet e i tanti strumenti che utilizzano la rete per le finalità più diverse.

Il World Wide Web potrebbe domani rivoluzionare domani le politiche con cui le banche erogano o meno il loro credito. In questo senso va considerato il brevetto che Facebook ha depositato in questi mesi e che gli consente di vendere i dati sensibili registrati su Facebook a banche o altre imprese del settore finanziario, in modo che questi possano avere ulteriori fattori a disposizione, per valutare l’eventualità di concedere o meno un mutuo oppure un altro prestito.

Per ora si possono solo fare delle ipotesi, ma le banche in futuro potrebbe conoscere la vostra rete di amici su Facebook, i vostri commenti o altre tracce che avete lasciato sul popolare social network ed utilizzarli per valutare il vostro merito creditizio. Oltre a questo bisognerebbe considerare il rischio che qualche malintenzionato potrebbe usare Facebook per screditare la vostra immagine davanti agli istituti di credito.

Per ora si tratta solo di ipotesi, ma c’è comunque il pericolo che Facebook possa entrare profondamente nelle vostre vite. PEr questo è cosa saggia fare sempre attenzione a cosa si posta in rete. Un giorno potrebbe essere usata contro di voi.