Quanto costa comprare casa? Come sappiamo, i prezzi della casa continuano a scendere rendendo sempre più accessibile l’acquisto di un immobile. Secondo un’analisi di Tecnocasa il paragone con il passato anche recente è imbarazzante: nel 2005 ci volevano 10 anni salario per comprare casa, nel 2014 bastavano 6,6 annualità, e quest’anno siamo scesi a 6,4 anni.

Ovviamente questo valore medio nasconde differenze anche evidenti: il calo maggiore dei prezzi riguarda Bologna dove si è passati da 6,5 a 5,9 annualità tra il 2014 ed il 2015, mentre altre città – Milano, Roma e Torino – hanno registrato un calo più limitato – 0,3 annualità. La città dove servono più anni di salario per acquistare casa resta sempre Roma – 10,7 annualità -, seguita da Milano – 8,7 annualità -, e Firenze – 8,4. Tra le grandi città in cui si può ottenere casa con meno anni di stipendio ci sono Palermo e Genova4 anni nel primo caso e 4,4 nel secondo.

Se si fa qualche paragone tra il 2005 ed il 2015 si può rilevare che Napoli e Bologna sono le grandi città in cui si sono avute le riduzioni più consistenti, perché nel giro di un decennio è stato possibile comprare casa con rispettivamente 5,1 e 5 annualità in meno. Un calo altrettanto importante si è rilevato a Milano: in 10 anni il calo nella città meneghina è stato di 4,8 annualità. Roma è in linea con la media nazionale – il calo è stato paria a 3,5 annualità. LA città in cui i prezzi sono cambiati di meno è Palermo – in un decennio i prezzi sono diminuiti solo dell’equivalente di 2 anni di salario.