I termosifoni sono tendenzialmente installati sotto le finestre e comunque in prossimità delle aperture. Questa operazione viene fatta per logica, in quanto si contrasta immediatamente l’ingresso dell’aria fredda proveniente dall’esterno.

Inoltre questo punto “strategico”, consente il riscaldamento di quelle pareti più fredde. Ma richiede uno sforzo maggiore all’elemento radiante, con una richiesta maggiore di calore alla caldaia. Conseguenza: un aumento dei consumi.

Per migliorare l’efficienza dei caloriferi, abbassando quindi i consumi, è necessario inserire un elemento isolante tra parete e calorifero, che può essere un tappetino isolante anche di soli 3 cm, che quindi opererà come elemento isolante tra parete e calorifero.

In questo modo, si conterranno le dispersioni, mantenendo costanti le temperature del calorifero. Questo consiglio vale anche e sopratutto nel caso di ristrutturazioni interne, dove la posizione dei termosifoni è da decidere exnovo sulla carta.

Publiredazionale by Enel Energia #unmotivoinpiù