Abbiamo visto in precedenti post, come utilizzare il condizionatore, in modo da abbattere i consumi e quindi risparmiare sulla bolletta a fine mese.

Oggi parliamo dell’impianto di condizionamento canalizzato, ovvero quel tipo di impianto formato da bocchette e canali, quindi senza il classico split che siamo abituati a vedere installati negli appartamenti.

Il vantaggio del canalizzato è riconducibile al fatto che è composto da una macchina interna ed una esterna, senza quindi l’installazione di split interni che oltre a creare un differente impatto stilistico, necessita di maggiore energia per il funzionamento. In quanto in un appartamento trilocale generalmente si è soliti installare almeno un dual split se non addirittura un trial. Questo implicherà, nel caso si voglia rinfrescare tutti i locali, l’accensione di ben tre differenti apparecchi.

Nel caso invece si decida di optare per un canalizzato, la macchina da accendere sarà solamente una; chiaro che nel caso in cui si vogliano rinfrescare più locali l’energia richiesta dalla macchina sarà maggiore, rispetto al raffrescamento di un solo locale. Ma sarà comunque inferiore a quella necessaria per l’accensione di tre differenti split.

Quindi un impianto canalizzato sarà una scelta vicina al nostro consumo, e quindi al nostro portafoglio. Senza dimenticare che un risparmio di energia giova alla bolletta e all’ambiente.

Publiredazionale by Enel Energia #unmotivoinpiù