Dopo mesi di trattative l’americana CNH ha detto sì a Fiat Industrial. Il comitato speciale formato dai consiglieri indipendenti di CNH, riunitosi a New York, ha annunciato nella notte italiana che vedono “favorevolmente” l’ultima offerta lanciata da Fiat Industrial e si dicono pronti a negoziare i documenti definitivi per la fusione.

L’operazione prevede la fusione di Fiat Industrial e di CNH in una società di nuova costituzione con sede in Olanda (NewCo) in cui gli azionisti di CNH riceveranno 3,828 azioni della newco per ciascuna azione CNH da loro detenuta e gli azionisti di Fiat Industrial riceverebbero 1 azione della newco per ogni azione di Fiat Industrial.

Inoltre gli azionisti di CNH riceveranno un dividendo straordinario di 10 dollari prima della fusione e se possibile entro la fine dell’anno. La maxi cedola era stata messa sul piatto da Fiat Industrial lo scorso 19 novembre, nella sua offerta migliorativa, dopo che CNH aveva respinto a metà ottobre la precedente offerta perché ritenuta inadeguata. La società torinese aveva inoltre indicato la propria intenzione di rinviare l’incasso del dividendo sull’88% delle azioni CNH di sua proprietà per preservare il capitale del gruppo nel periodo sino al completamento della fusione.

“Siamo soddisfatti della decisione con cui lo Special Committee ha giudicato favorevolmente l’offerta definitiva e migliorativa sui termini e condizioni della proposta fusione. Tuttavia, rimane del lavoro da completare sia nei prossimi giorni per finalizzare la documentazione contrattuale, sia nei mesi a venire per implementare l’operazione e sottoporla all’approvazione degli azionisti – ha commentato questa mattina Sergio Marchionne, presidente di Fiat Industrial.